Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


456 GLI SPOSI PROMESSI colo,1 sarebbe una più 2 aperta manifestazione del soccorso che Dio le aveva dato, la renderebbe come sacra, e cos- più sicura da ogni3 nuovo attentato dello sciaurato’suo nerl secutore.4 Approvò egli adunque con vive e liete parole là proposizione, e aggiunse: «Dite: dite se l’offesa la più ardentemente bramata, la più lungamente meditata, la meglio riuscita5 reca mai tanta dolcezza quanto una umile e volon¬ taria riparazione?» 6 « Ah ! la dolcezza sarebbe intera, » rispose il Conte, « se la riparazione potesse esserlo; se il pentimento,1 se l’espia¬ zione la più operosa, la più laboriosa potesse fare che il male non fosse fatto, che i dolori non fossero stati sentiti. « _ 8 Ma v’è ben Quegli,» rispose Federigo, «che può far di più; che può cavar.e il bene dal male, dare pei dolori sofferti il centuplo di gioja, fargli benedire a chi gli ha sofferti. E quando voi fate per Lui e con Lui, quel poco che v’è con- cessodi8 fare, Egli farà il resto: Egli farà che del male passato non resti a quella poveretta che un argomento di ricono¬ scenza e di speranza, e a Voi di una afflizione umile e sa¬ lutare. » Detto questo, il Cardinale chiamò il curato, e gli impose che facesse avvisare Lucia del disegno del Conte, e le dicesse ch’egli stesso la pregava di accoglierlo. 9 Partito il curato, Federigo richiese il Conte che aspettasse tanto che Lucia potesse essere avvertita. Dopo qualche momento, il Conte usci dalla casa10 di Don Abbondio, e s’avviò a quella di Lucia tra una folla di11 spet¬ tatori, fra i quali era già corsa la notizia di ciò che si pre¬ parava. La forza che, spontanea, non vinta, non 12 strascinata, non minacciata, si abbassa dinanzi alla giustizia, che riconosce che fosse attualmente in qualche pericolo per parte di Rodrigo.» — 1 farebbe — - grande — 3 alt — ' Approvò — 5 port — « Di qui alla parola salutare linea verticale, e a margine, in penna: «Lasce¬ rei questi due punti : non bisogna poi esser prodigo di rifles¬ sioni ascetiche in un Romanzo. Anche per l’edificazione de’ Lettori, (non ridere tu, sebbene io rida di me stesso), è meglio presentare più che si può con disinvoltura le idee Cristiane. » — 1 se le opere di espiazione le più — K fare, non dubitate ch'egli non dia a | Egli farà il di più, Egli — " e trattenne qualche momento il Conte, tanto che l’annunzio potesse esser fatto.— 1,1 del — 11 contadini — » minac¬ ciata, CAPITOLO