Pagina:Goethe - Ricordi di viaggio in Italia nel 1786-87.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 155 —


Maggiore abilità poi, attenzione e pazienza si richieggono, per fabbricare i vetri a colori. Il consigliere Reifenstein possiede nella propria casa, o quanto meno in vicinanza a quella, tutto quanto occorre, per dedicarsi a quei passatempi geniali.


Il 2 Dicembre.

Ho trovato qui per caso il libro di Archenholz1 sull’Italia, ma letto sul sito il suo pregio scompare, quasi lo si accostasse al fuoco, e le pagine dopo essersi contorte e diventate nere, finissero per svanire in fumo. Per dir vero le cose le ha viste, ma non aveva coltura bastante per giudicarle a dovere, e distribuisce senza criterio tanto le lodi quanto il biasimo.


Roma, il 2 Dicembre 1786.

Questo tempo bello, caldo, tranquillo, interrotto soltanto da qualche giorno piovigginoso alla fine di novembre, la è cosa affatto nuova per me. Ne godo passando le belle giornate all’aria libera, le cattive nella mia stanza, e dovunque ho qualcosa da vedere, da imparare, da fare, sempre con piacere.

Il 28 novembre siamo tornati alla cappella Sistina, e vi ci siamo fatto aprire la galleria in alto, di dove si possono osservare meglio i dipinti della volta: lo spazio vi è per dir vero molto ristretto; non vi si muove senza difficoltà, ed anche con qualche pericolo per chi soffrisse di vertigini, e si staccasse dalle sbarre di ferro; se non che il disagio è compensato largamente, dalla vista di quel capolavoro. Ed io sono in questo momento compreso di tanta ammirazione per Michelangelo, che nulla io trovo superiore nella natura, tuttochè io non la possa contem-

  1. Originario di Danzica, autore di un viaggio in Italia. (Il Traduttore).