Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/370

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
316 ATTO TERZO


Momolo. Benissimo, ve la passo; femo i conti, che voggio andar a Venezia.

Trappola. Che conti vuol ella fare?

Momolo. Della vendita de sto formento.

Trappola. Quando V. S. vuol far conti, si hanno da fare i conti di tutto il tempo che io la servo, perchè sono io creditore, e gli ho dato tanto danaro del mio, che sono scoperto1 di più di mille ducati; e non voglio dar altro, se non si vede chiaro quel che ho d’avere, e non mi rimborsa di quel che avanzo; e per far conti di sei anni, vi vuol del tempo; onde se vuol andar a Venezia, vada, che verrò colà a ritrovarla, e vedrà i miei conti, e vedrà che io sono un uomo onorato, e si prepari a pagarmi. (parte)

SCENA XIII.

Momolo solo.

Oh, che baron! prencipio a conosserlo adesso. Noi vol far i conti, el xe avezzo a magnarme tutto, e a darme quel che ghe par; e pò el dise che el va creditor. Oh poveretto mi, cossa hoggio fatto? Che regola hoggio tegnù fin adesso? Son precipità, son in rovina. Chi sa che anca a Venezia non sia servio co sto bon cuor da i mi avvocati, dal mio interveniente2? e mi cussì alla orba gh’ho donà un anello. Sto donar senza sugo, sto spender senza misura, che credito m’halo acquista? Che merito m’halo fatto? Ecco qua, tutti me rimprovera, tutti me strapazza, tutti me scampa e me lassa solo. E co no gh’averò più gnente a sto mondo, chi me agiuterà, chi me darà da viver, chi gh’averà de mi compassion? Nissun a sto mondo, perchè le mie spese le ho fatte con troppa ambizion. Ho buttà via dei ducati a miara, e no posso dir d’aver dona un ducato per carità. M’ho fatto magnar el mio, e no ho mai soccorso una fameggia de miserabili. Adesso ghe penso, adesso cognosso i spropositi della mia condotta. Ho sempre avudo dei adulatori,

  1. Zatta: allo scoperto.
  2. Vedi nota (3) a pag. 270.