Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/399

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Truffaldino. I va mal per elo e pezo per mi, A sto vecchio matto de Pantalon ghe cresce i anni e ghe cresce i vizi, e in bottega ogni zorno cala la marcanzia. E mi povero diavolo me tocca a sfadigar assae, a magnar poco e pò anca de più son obligà a far 1’onorata carica de mezan.

Brighella. Far el mezzan de un marcante non è niente de mal; m’imagino che ti vorà dir el sensal.

Truffaldino. Certo che far el sensal r è una cossa onorata, ma bisogna veder de che sorte de marcanzia (•).

Brighella. De che sorte de marcanzia se tratta?

Truffaldino. Senti in tuna (2) recchia, che nissun senta. De mar- canzia femminina.

Brighella. De scuffie? de nastri? de merli?

Truffaldino. Oibò. Marcanzia de lettere, de parole e de sto- meghezzi amorosi.

Brighella. Bravo: ho capido; ti fa el mezzan de sta sorte de porcarie?

Truffaldino. Questa 1’ è la carica che i me fa far; e che sia la verità, ho da portar sta lettera a una forestiera che aloza m quella locanda. (accenna una casa)

Brighella. Per parte di chi?

Truffaldino. Per parte de sior (3) Pantalon.

Brighella. Ancora quel vecchio el gh’ ha voggia de ste frascherie?

Truffaldino. Ti no sa che la volpe perde el pelo, ma non la perde el vizio?

Brighella. Me maraveggio che un omo della to sorte fazza de ste figure. To zio t’ ha manda qua dalle valade de Bergamo per imparar a far el mercante, e ti ti impari sto bel mistier?

Truffaldino. Se no fazz quel che voi el vecchio, el me ca- stiga e noi me dà da magnar. Caro paesan, me raccomando a ti, per carità troveme qualche negozio d’andar a star via de qua, che proprio a far ste cosse me sento i rossori vergi- nali sul viso.

(i) Paper.: mercanzia. (2) Così Zatta; Paper, e Savioli ecc.: Senti. In t’una ecc. (3) Savioli: del sior; Zatta: del signor.