Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/465

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BANCAROTTA 411


le occasion e el comodo de poderlo far, m’ha un’altra volta tirà al precipizio. Xe ben che no gh’abbia più gnente da manizar. Ho gusto che abbiè revoca la procura, e merito de esser mortificà. Me consolo, fio mio, che ti te maridi e che te tocca una putta savia, discreta e amorosa. Muggier, compatime, xe ben che vegnì via con mi, perchè da vu no so cossa che la poderave imparar. Soffrì che parla liberamente de vu, se parlo in te l’istessa maniera de mi. Semo stai do matti, un più bello dell’altro. Xe tempo de far giudizio. Mi son vecchio, e vu no se più una putella. Andemo in campagna, retiremose dalle pompe, dalle mode, dai devertimenti. Lassemo far a chi sa, lassemo goder chi merita, e confessemo d’accordo tutti do, che el nostro poco giudizio xe quello che n’ha tratto in rovina e che m’ha fatto falir. Aurelia. Caro marito, non so chi peggio di noi...

Leandro. Non parliamo altro di cose triste. Vi supplico, signor padre...

Pantalone. No me fè serrar el cuor più de quello che el xe. Dottor, avanti de andar in campagna, vorave aver el contento de abbrazzar mia niora.

Dottore. Volentieri. Se il signor Leandro si contenta...

Leandro. Anzi mi farete il maggior piacere di questo mondo. Già le case nostre sono vicine, può venir come si trova.

Dottore. Vado subito e la conduco da voi. (parte)

SCENA XIV.
Aurelia, Leandro e Pantalone.

Pantalone. Leandro, te voggio dar un avvertimento. Manda via subito quel furbazzo de Truffaldin: perchè el xe un baron, che gh’ha tutti i vizi del mondo.

Leandro. Non mi ha dato tempo di licenziarlo. Si è licenziato da sè, è partito che non saranno due ore colla barca di Padova.