Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/544

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Rosaura. Ficcatevi quel che volete, ch’io non ci penso. Ora vado a prepararmi per 1’accademia; ma piuttosto per il più fiero e più pericoloso cimento. Temer dovrei, perchè dorma, di pormi a fronte de’ miei nemici; ma mi confido nell’assistenza de’ Numi. Non sempre è il saper che trionfa, ma il modo sovente di far valere il proprio talento. (parte)

SCENA VI.

Brighella fa accomoda il tavolino e le sedie dai servitori per l’accademia. Arlec- chino credendo vi si mangi, s’asconde sotto il tavolino. Florinix), Beatrice, Ottavio, Diana, Lelio, Isabella, Dottore, Momolo.

Lelio. Volete dunque felicitare le nostre orecchie coli’armonioso suono delle vostre metriche voci? (a Flonndo)

Florindo. Per compiacer mio padre, darowi il tedio di soffrire le mie debolezze, sperando esigere non solo un benigno compa- timento; ma la grazia altresì di udire qualche cosa del vostro.

Lelio. Io mi prostrerò ad Apollo, pregandolo inaffiarmi coli’onda d’Aganippe, onde possa rivivere e ripullulare l’inaridita mia vena.

Momolo. Caro compare Florindo, xe tanto tempo che non se vedemo; no credeva mo miga che la prima volta che tornemo a vederse, s’avessimo da saludar in versi. Ammirerò il vostro spirito, e dirò anca mi quattro strambotti, se me de licenza.

Dottore. Anzi ci farà grazia. Animo, ognuno al suo posto.

Florindo. Qui la signora cognata, e qui la signora sorella. (sì pone fra le due donne)

Lelio. Madama, avrò 1’onore di sostenere sopra gli umili miei ginocchi una parte di questo vostro macchinoso recinto, (siede presso Beatrice e si pone addosso il suo guardinfante)

Beatrice. Spero che il peso di questa macchina non vi stroppierà.

Lelio. (Com’ è frizzante)! (da sé)

Momolo. Siora Diana, eia contenta che ghe staga arente?

Diana. E padrone. (Starei più volentieri presso quel forestiere). (da sé, osservando Isabella)