Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/663

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL SERVITORE DI DUE PADRONI 605

Dottore. Parlate che il canchero vi mangi.

Pantalone. (Adessadesso me vien voggia de dottorarlo a pugni). (da sè) Mia fia, se volè, la sarà muggier de vostro fio.

Dottore. Obbligatissimo, non v’incomodate. Mio figlio non è di sì buono stomaco. Datela al signor Torinese.

Pantalone. Co saverè chi xe quel Turinese, no dirè cussì.

Dottore. Sia chi esser si voglia. Vostra figlia è stata veduta con lui, et hoc sufficit.

Pantalone. Ma no xe vero che el sia...

Dottore. Non voglio sentir altro.

Pantalone. Se no me ascolterè, sarà pezo per vu.

Dottore. Lo vedremo per chi sarà peggio.

Pantalone. Mia fia la xe una putta onorata; e quella...

Dottore. Il diavolo che vi porti.

Pantalone. Che ve strascina.

Dottore. Vecchio senza parola, e senza riputazione. (parte)

SCENA V.

Pantalone e poi Silvio.

Pantalone. Siestu maledetto. El xe una bestia vestia da omo costù. Gh’oggio mai podesto dir che quella xe una donna? Mo, sior no, noi voi lassar parlar. Ma xe qua quel spuzzetta de so fio, m’aspetto qualche altra insolenza.

Silvio. (Ecco Pantalone. Mi sento tentato di cacciargli la spada nel petto). (da sè)

Pantalone. Sior Silvio, con so bona grazia, a vera ve da darghe una bona niova, se la se degnasse de lassarme parlar e che non la fusse, come quella masena (a)1 da molin de so sior pare.

Silvio. Che avete a dirmi? Parlate.

Pantalone. La sappia che el matrimonio de mia fia co sior Federigo xe andà a monte.

Silvio. È vero? Non m’ingannate.


  1. (a) Macina.