Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/602

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
592 ATTO SECONDO

Pantalone. E mi gh’ho paura che i manini sia andai.

Bettina. Come andai?

Pantalone. Che ve li abbia magnai vostro mario.

Bettina. Oh giusto, mio mario, gnanca per insonio.

Pantalone. Zurèlo1 mo?

Bettina. Cossa vorlo che zura? Mi ghe digo la verità.

Pantalone. Ho capio tanto che basta. Tegnì da lu. Sè do mati insieme. Fè quel che volè, no ghe penso gnente. Fè conto che sia morto. Andeve a far benedir. (parte)

SCENA XXVI.
Bettina sola.

Tiolè, anca lu va in colera, anca lu me abandona. Pazenzia! Avevio mo da zurar? Fina qualche busia, per far ben, la se pol dir2, ma zurar, no seguro. Fazzo quel che posso per no far mal, e se falo, falo per ignoranza. Anca sto interompimento de mio missier m’ha fato perder d’ochio mio mario. Adesso no so più dove trovarlo. Anderò a casa, aspeterò fin che la sorte lo manderà. Intanto me consolerò col mio fantolin. Povera mugier travagiada! Povera Betina sfortunada! Imparè, pute, vualtre che no vede l’ora de maridarve, e che a star in casa vostra ve par de star in galìa. Imparè da mi. Vardè a quante desgrazie xe sogeta una puta che se marida. El mario ve tormenta, i fioi ve strussia, le massere ve fa deventar mate, i parenti ve rimprovera, la zelosia ve consuma. Adesso cognosso quanto che stava megio da puta, e pur ghe vôi tanto ben al mio Pasqualin, che siben ch’el me trata cussì mal, lo tioria de bel niovo, e per elo me contenteria de morir. (parte)

Fine dell’Atto Secondo.




  1. Sav. e Zatta: zurè.
  2. Sav. e Zatta: me par che la se possa dir.