Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



e robando un poco in qua, un poco in là, de tanti pochi se fa un assae, se raddoppia el salario, e in poco tempo el spendidor se mette in fegura.

Brighella. Mi son un galantomo, e de mi la se poi fidar.

Pantalone. Da le informazion ch’ho avude de vu da mio compare Pancrazio, so che se un omo onorato e da ben, ma al dì d’ancuo per parer onorati basta robar con grazia e pulizia.

Brighella. La me creda che se volesse robar, mi no saveria come far.

Pantalone. El robar l’ è un mestier che la natura l’insegna; e chi ghe chiappa cunor (a) una volta, no lo lassa mai più. Diseme, aveu parla, con mia muggier?

Brighella. Lustrissimo sì.

Pantalone. E tocca via (6) co sto lustrissimo. V’ho dito che no lo vogio.

Brighella. E pur la patrona se lo lassa dar, e no la disc gnente.

Pantalone. Se la parona xe matta, non son matto mi. Savè pur che le donne le xe dominae dal spirito de l’ambizion. Ghe ne xe tante e tante che per esser lustrissime le se contentaria de dormir su la pagia.

Brighella. Ma, cara eia, cossa gh’hogio da dir quando la reverisso? Patrona? Patrona se lo dise quelle che va per ogio. Patrona, siora Gate; patrona, siora Betta. Donca a una marcante bisogna darghe della lustrissima.

Pantalone. Basta che una marcante gh’habbia una bona tola e che la possa comparir da par soo. Che i ghe diga lustrissima, patrona o siora, xe l’istesso. Bezzi i voi esser, bezzi, e no sabbion da lustrar. Orsù, scomenzemo a operar. Tiolè sto felippo, e andè a spender. Gomprè un cappon per tola, con do lirete de carne de manzo, che farà bon brodo, e servirà per vualtri. Tiolè un boccon de rosto de vedèlo e un per de lire de frutti. In casa ghe xe del sala e del persutto. Pan e vin ghe n’ è per (a) Prendere affetto, (i) E pur dietro. E segui pure.