Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



tutto l’anno. Le menestre le togo a l’ingrosso, onde regolava che no passarne quel ducatelo. Vogio che se magna, no vogio che la famegia patissa, ma no voi che se butta via, perchè se sol dir che ghe xe più dì che luganega (a). BriGHELL-A. La dise benissimo, me piase l’economia anca mi, specialmente dove ghe xe famegia. Ma se la comanda, per eia ghe torto un colombin o un per de lattesini.

Pantalone. Sior no, quel che magno mi, magna tutti, in tola al pare no ha da magnar magio dei fioi, perchè i fioi, vedendo el pare a magnar magio de lon, i gh’ha mvidia, i se mortifica e i procura in altro tempo da sodisfar la so gola.

Brighella. Eia xe molto esatto nelle bone regola da pare de famegia.

Pantalone. Oh, se savassi, amigo, quanti debiti, quanti pesi gh’ha un pare de famegia, tremeressi a pensarlo. Felice vu, che no sé manda! El pare bisogna che noi tralassa mai de dar dei boni esampi ai so fioli, perchè i fìoli impara più da l’esempio, che dal precetto; e el scandolo che vien dal pare, el penetra tanto ne l’animo del povero fìol, che difficilmente se gha poi remadiar. (parte

SCENA VII.

Brighella solo. El mio patron la sa longa, ma mi la so più longa de lu. Oh, i se inganna i più accorti patroni, se i crede d’arrivar a conoscer tutte le malizie dei servitori. Ghe n ho una mi, mia particolar, che no l’arriva certamente a scovrirla. Mi me la intendo coi bottaghiari. Spartimo a mazzo la brova (i), e par che se demo adesso un con l’altro. L’industria umana sempre più sa raffina, a per conoscar un furbo ghe ne vuol uno e mezzo. (parte [a) Proverbio che significa, che bisogna misurare i giorni con la salsiccia, e ricordarsi che più sono i giorni della roba. (b) Quel che si ruba.