Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA XVI.

Pantalone e Beatrice.

Pantalone. Cossa diavolo diseu? Dove gh’aveu la testa? sul so viso disè a vostro fio ch’el studia anca troppo? Xela questa la bona regola de arlevar i fioi? Darghe boniman, perchè no i studia? Me maravegio dei fatti vostri. No gh’ave giudizio.

Beatrice. Confesso il vero, che ho detto male; non lo dirò più. Ma voi compatitemi, siete troppo austero; non date mai loro una buona parola; li tenete in troppa soggezione.

Pantalone. El pare no l’ha mai da dar confidenza ai so fioi. No digo miga ch’el li abbia sempre da trattar con severità, ma el li ha da tegnir in timor. La troppa confidenza dei fioi degenera in insolenza; avezzandose a burlar col pare, no i sa respettarlo, e crescendo co l’età l’ardir e la petulanza, i fioi mal arlevai i arriva a segno de desprezzar, de maltrattar, e fursi fursi de bastonar anca el pare.

Beatrice. Mio figlio non è capace di queste cose. E un giovine d’indole buona, e non potrebbe far male ancor se volesse.

Pantalone. Come? Noi poderia far mal anca s’el volesse? Sentimento da donna ignorante, che merita correzion. Felice quello che nasse de bon temperamento, ma più felice chi ha fortuna de aver una bona educazion. Un albero nato m bon terren, pianta in bona luna, prodotto da una perfetta semenza, se noi se coltiva, se no se ghe leva per tempo i cattivi rami, el se rende selvadego, el fa pessimi frutti, el deventa un legno inutile e da brusar. Cussi i fioi, per ben che i nassa, per bon temperamento che 1 gh’abbia, co no i se arleva ben, co no se ghe dà boni esempi, co no se ghe leva presto i difetti, i deventa pessimi, dolorosi; i deventa zente inutile, zente trista, scorno de le famegie e scandalo de le città.