Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dottore. Per ben conoscerli, ci vuole il lume dell’intelletto.

Pantalone. L’intelletto xe un lume che vien oscura dal fumo de le passion.

Dottore. Signor Pantalone, mi consolo che ancor voi principiate a parlar da filosofo.

Pantalone. Tutti semo filosofi, ma tutti se fabrichemo una filosofia a nostro modo.

Dottore. La vostra filosofia com’ è ella fatta?

Pantalone. Facile per mi e facile per chi m’ascolta.

Dottore. Cosa vi suggerisce la filosofia mtorno al caso di vostro figlio?

Pantalone. Tre argomenti, uno più bello de l’altro; argomenti da omo, che no xe dottor, da marcante piuttosto che da filosofo. El primo me fa dubitar. El segondo me fa sperar. El terzo me tien tra la speranza e el timor. Sentì el primo. Lelio ha messi i bezzi in quella camera; Lelio ha sena la porta; Lelio mezz’ora dopo li xe andai a tior, donca Lelio me h ha robai. Senti el segondo. Se Lelio me li voleva robar, el podeva far de manco de portarmeh a casa; el me li ha portai fedelmente, donca Lelio no li ha robai. Sentì el terzo. Se Lelio no li ha robai, el xe innocente. Se el li ha robai, el se poi pentir, onde o da la innocenza soa, o dal so pentimento, aspetto quella consolazion, sospirada da un pare che ama i so fioi, la so casa e la propria reputazion.

Dottore. Amico, vado a contribuire per quanto posso alla quiete del vostro core, protestandomi d’essere a parte delle vostre afflizioni, e di poter dir con costanza: Amicus est alter ego. (parte)

Pantalone. Col parla latin, ho fenio d’argomentar. La passion produse dei effetti stravaganti in ti omeni. Mi sta volta la m’ha fatto filosofar. Ma che? I mi argomenti xe tanto naturali quanto xe i mi pensieri, perchè la me par cossa da matti pensar in t’una maniera e parlar in t’un’altra. Argomentar colla lengua contra le massime del proprio cuor.