Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

169


dise le sia informae de tutto, e se xe vero sto fatto, nè vu, nè tutto el vostro parentà, nè tutto sto paese me tien che no daga un esempio.

Beatrice. Male lingue, marito mio, male lingue. Mio figlio oggi non è uscito di casa. È stato tutto il giorno e tutta la sera a studiare nella mia camera; per questo credo che gli dolgano i denti e il capo.

Pantalone. Basta, scoverziremo la verità. El maestro dove xelo, che nol se vede?

Beatrice. Studia e fa studiare il povero Florindo. Lelio è il briccone; egli ha rubati i trecento scudi.

Pantalone. Gnancora posso dir gnente, ma me xe sta dite certe galantarie de sior Florindo che, se le xe vere, volemo rider.

Beatrice. Florindo è il più buon figliuolo del mondo.

Pantalone. Se l’è bon, sarà ben per elo. Se Lelio l’è el cattivo, el pagherà la pena. Ho parlà con un capitano de nave che xe a la vela. Subito che ho scoverto chi xe el baron, subito lo fazzo imbarcar e lo mando via.

Beatrice. Florindo non vi anderà certamente.

Pantalone. Ma perchè no gh’anderalo?

Beatrice. Perchè Florindo è buono.

Pantalone. Prego el cielo che sia la verità.

SCENA XIII.
Brighella e detti.

Brighella. Ah sior patron. Ah siora patrona, presto, che no i perda tempo.

Beatrice. Cosa c’è?

Brighella. So fiol, el sior Florindo

Pantalone. Cossa?

Beatrice. Come?

Brighella. L’ha menà via Colombina.

Pantalone. Ah furbazzo! Ghe doleva i denti?

Beatrice. Non sarà vero nulla.