Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



solete, che ti è innocente. Me despiase del travagio e del spasemo che ti ha abuo, ma l’amor de to pare saverà refare con altrettanta consolazion.

Lelio. Caro signor padre, il vostro amore è una ricchissima ricompensa di tutto quello che ho pazientemente sofferto.

Pantalone. Poverazzo! Quanto che me despiase....

Dottore. Per carità, mia figlia si è ritrovata?

Pantalone. La s’ha trova.

Dottore. Dove? Presto, ditemi dove.

Pantalone. La xe de là.

Dottore. Indegna, saprò punirla. (in atto di parlire)

Pantalone. No; fermeve. Mi l’ho trovada, mi l’ho fatta fermar; mio fio l’è sta el seduttor, e de la vostra offesa a mi me tocca trovar el resarcimento. Son pare de famegia anca mi; son anca mi ponto in te l’onor; pregiudica in tei interesse; ho prova anca mi i impeti de la colera, ma i ho superai, e son in stato de far giustizia senza lassarme orbar ne dal tropo amor, né da la troppa passion. Se volè che tutto se giusta, se volè che tutto riessa ben, m’ave da prometter de lassarme far a mi; de remetterve a tutto quello che farò mi, e vedere che salverò l’onor de la vostra casa; che remediarò ai desordini de la mia; che premiere i boni; che saverò castigar i cattivi; e che tutto sto strepito e sto sussurro se convertirà in ben per mi, in ben dei nostri fioi, e in profitto de le nostre famegie.

Dottore. Ah, signor Pantalone, voi mi consolate. Fate pur tutto quello che credete ben fatto. Mi rimetto in tutto e per tutto al vostro giudizio; e prometto e giuro non aprir bocca, in qualunque cosa che sarà ordinata dalla vostra prudenza.

Pantalone. E ti, Lelio, accorderastu tutto quello che farà to pare anca riguardo a ti?

Lelio. Sarei temerario, se non approvassi tutto ciò che di me dispone mio padre.

Pantalone. Bravo, cussi me piase. (Sto poco de desgrazia l’ha reso più umile e rispettoso. Qualche volta dal mal se recava del ben). Oe, cimici, vegnl drento. (verso la scena