Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/554

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Arlecchino. Perchè aspetto Fiammetta, to sorella, che l’ è fora de cà, e me preme de vederla e ghe vói parlar.

Trastullo. Le parlerai un’altra volta, andiamo.

Arlecchino. M’ è vegnù in mente una cossa; se no ghe la digo subito, me la scordo.

Trastullo. Cos’ è questa gran cosa?

Arlecchino. L’ è che voi dirghe quando la se destriga de torme per mari.

Trastullo. Eh, glielo dirai un’altra volta.

Arlecchino. Bisogna che ghel diga adesso.

Trastullo. Ma perchè adesso?

Arlecchino. Perchè me sento inasinido per el matrimonio.

Trastullo. Via, andiamo, gli parlerò io.

Arlecchino. Mo sior no; vói far mi.

Trastullo. Vieni, che ti ho da padare.

Arlecchino. Làsseme concluder con to sorella e pò ti me paderà.

Trastullo. Ti prometto che in questo giorno mia sorella sarà tua moglie.

Arlecchino. Varda come che ti te impegni!

Trastullo. Te lo prometto.

Arlecchino. Varda che ti ghe penserà ti.

Trastullo. Son galantuomo: quando prometto, non manco. Ma ancora tu hai da fare una cosa per me.

Arlecchino. Man’deme, e farò tutto quel che ti voi.

Trastullo. Andiamo; qua in pubblico non ti voglio padare.

Arlecchino. Son con ti, ma... Arrecordete... Non posso più.

SCENA XV (1).

Fiammetta in zendale, e detti.

Arlecchino. Cugnà, non vegno altro.

Trastullo. Perchè?

Arlecchino. La calamita me tira de qua. (accennando Fiammella (I) Vedati Appendice.