Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/627

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO SECONDO.

SCENA II.


Pantalone. (Za che la xe sola, veggio veder de scavar se xe vero che la sia incapricciada in quel matto de Lelio). (</a sé)

Rosaura. (Ahimè! questo vecchio mi porta la fatai nuova della mia morte). (da sé)

Pantalone. Siora Rosaura, el tempo passa, el Dottor, vostro barba, e Florindo, vostro zerman, i fa el diavolo contro de vu. Bisogna resolver; bisogna che parie chiaro. Mi no voggio lite, no voggio sta sorte de desgrazie in casa mia. Donca spieghè liberamente el vostro pensier, diseme se me volè per mano.

Rosaura. Ah, signor Pantalone, voi ponete in un gran cimento il mio cuore.

Pantalone. Orsù, me basta cussi. Se el respetto, che gh’avè per mi, ve trattien de dirme liberamente che no me volè, el vostro suspirar e el vostro responder in zergo me fa cognosser la vostra volontae. Per forza no ve voggio. Non son cussi matto de tiorme una bissa in sen. Ve lasso in te la vostra libertà. Sodisfè el vostro genio, che gh’ave rason. Ma domattina parecchieve de andar fuora de casa mia.

Rosaura. Oh Dio! Voi mi avete trafìtto il seno. Perchè uscir devo di casa vostra? Perchè mi discacciate sì crudelmente da voi?

Pantalone. Perchè non voggio litigar coi vostri parenti.

Rosaura. Non siete voi il mio tutore?

Pantalone. Pia mia, no ve voi far la guardia; o mano, o gnente.

Rosaura. (Sempre più si peggiora il mio stato). (da sé)

Pantalone. Podè metter insieme la vostra roba. Mi anderò a avvisar el Dottor, che el ve vegna a ricever.

Rosaura. Non sarà mai vero, ch’io parta viva di casa vostra.

Pantalone. In casa mia ghe xe fursi queJche segreta calamita, che tira el vostro cuor?

Rosaura. Per amor del cielo, non mi date maggior tormento.