Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/628

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Via, via, v’ho capio. So tutto, e adesso intendo perchè ve piase la casa, e no ve piase el paron.

Rosaura. Signore, voi vi potete ingannare.

Pantalone. No m’inganno; son omo avanza in etae, e so el viver del mondo. Compatisso la vostra disgrazia. Pur troppo gh’ho rimorso d’esser sta causa mi de sto desordene. L’occasion v’ha fatto prevaricar. La zoventù no sta ben insieme, Vu se de buon cuor. Colù xe matto. No me maraveggio se se cascada. Ma cara fia, bisogna regolarse colla prudenza. Finche ghe xe tempo, bisogna remediarghe. Dise el proverbio: lontananza ogni gran piaga sana. O andè via vu, o per farve servizio, lo manderò via de casa.

Pantalone. Cossa diavolo diseu? Seu matta? Volè che mi trova r espediente de farve star unita con un omo maridà?

Rosaura. Come? ha moglie?

Pantalone. Me par de sì.

Rosaura. Dov’è questa sua moglie? (Traditore? Infedele! Così mi deride?) (da sé)

Pantalone. (L’amor gh’ha fatto dar volta al cervello). (Ja sé)

Rosaura. Ora intendo perchè mi consigliava a sposar voi quelr indegno.

Pantalone. El ve conseggiava a sposarme mi?

Rosaura. E con tutta l’efficacia del di lui spirito.

Pantalone. Sì ben, el fava per strenzer la parentela.

Rosaura. Ah signor Pantalone, non mi credeva mai trovare un carnefice nel vostro sangue.

Pantalone. Colù noi xe miga del mio sangue.

Rosaura. Come! non è vostro figlio?

Pantalone. Oh giusto! El xe mio zenero; noi xe mio fio.

Rosaura. Ottavio non è vostro figlio?

Pantalone. Ottavio xe mio fio.