Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/629

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Rosaura. Perchè dite dunque che è vostro genero?

Pantalone. (Poveretta, la zavaria). (da sé) Digo che Lelio xe mio zenero.

Rosaura. Come e’entra il signor Lelio in questo discorso?

Pantalone. Oh bella! No seu innamorada de elo?

Rosaura. Io? II ciel mi liberi. Lelio ha per moglie Beatrice.

Pantalone. Donca de chi avemio parla fin adesso?

Rosaura. Voi parlaste di Lelio?

Pantalone. Sì ben, de quel matto. E vu de chi v’intendevi? Eh via, spiegheve meggio. Parleme con libertà, se mai fussi innamorada...

SCENA Ili.

Pantalone solo. Sentì, vegnì qua. Sì! la va come el vento. Adesso ho capio. Adesso ho scoverto tutto. La xe innamorada de Ottavio, e Ottavio gh’ha dà la parola de tiorla. E a mi noi me dise gnente? E a mi noi me lo confida? Ah poverazzo! Tutto effetto del so bon cuor e del respetto ch’el gh’ha per mi. El la conseggia a sposarme, e fursi el se tormenta per causa mia. Adesso cognosso cossa che xe quella malinconia che lo desconisse. L’ è confuso tra l’amor de Rosaura e la paura de desgustarme! E mi gh’averò cuor de tormentar un fio che me voi tanto ben? Lu el sa venzer la so passion, e mi no saverò superar l’interesse? Sì ben, vaga tutto, ma se salva un fio che gh’ha la virtù de amar la quiete del pare, più delle proprie sodisfazion. Velo qua chel vien. Giove, te ringrazio, che ho scoverto la verità. Ghe cederò la sposa, ghe renonzierò la casa, ghe darò anca el mio cuor.