Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/631

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Cossa no faravio per ti? Renonzierave anca la vita.

Ottavio. E la sua eredità?

Pantalone. A ella no gh’importa. Mi, co se tratta de contentarte, no ghe penso. Val più la to vita che cento eredità. Rosaura stima più le to nozze de qual se sia ricchezza. No, Ottavio, no ti farà gnente. Rosaura sarà to muggier.

Pantalone. Dime, caro ti, a Rosaura ghe vustu ben?

Ottavio. L’amo quanto me stesso.

Pantalone. Donca Rosaura sarà to muggier. (parie

SCENA V.


Brighella. T’arrecorderastu ben? Via, da bravo, fa el servizio come el va fatto.

Brighella. Fidete (che ti sta fresco). (da sé)

Arlecchino. Se no sposo Colombina, ti ghe penserà ti.

Brighella. Mo no me tormentar. Fa quel che t’ho dito e ti sarà consola.

Arlecchino. Cugnà, arrevederse.

Brighella. Bon zomo. Arrecordete, sa?

Arlecchino. Sì, me recordo. (in atto di partire)

Brighella. A mezz’ora de notte.

Arlecchino. A mezz’ora de notte? (si ferma)

Brighella. Sì; poco ghe manca.

Arlecchino. Cossa hoio da far a mezz’ora?

Brighella. Oh bella, introdur el signor Florindo; no ti t’arrecordi?

Arlecchino. Sì, adesso me l’anecordo... Dove l’hoio da introdur?