Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/632

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Ah, no ti t’arrecordi più de gnente! In casa del to padron, e ti ha da procurar...

Arlecchino. Via, adesso so tutto... Cossa hoio da procurar?

Brighella. Pezzo d’alocco, senza giudizio e senza memoria. Vien qua, te lo dirò un’altra volta. E se ti voi sposar mia sorella, ficchete ben in memoria quel che voio da ti.

Brighella. Stassera ti lasserà averta la porta della riva...

Arlecchino. Qual eia mo la porta della riva?

Brighella. Gnancora no ti lo sa? Quella del canal. Per de là, a mezz’ora de notte, intrerà el sior Florindo, e ti... No, bestia, fermete; el to padron non ha da saver gnente. Ho dito che el padron no l’ha da saver.

Brighella. Oh, che matto! Alle curte, a mezz’ora de notte ti ha da introdur per la porta della riva sior Florindo, e ti l’ha da condur nelle camere de siora Rosaura...

Arlecchino. L’hoio da aspettar?

Brighella. Siguro. Bisogna che ti l’aspetti in intrada.

Arlecchino. Ben, e col vegnirà, ghe farò lume col torzo.

Brighella. Oh, che strambazzo! Bisogna che ti l’introdusi a scuro.

Arlecchino. A scuro? Se romperemo el muso.

Brighella. Adessadesso te lo rompo a ti.

Brighella. Basta; ti m’ha inteso. Ti ha da condur sior Florindo a scuro in camera de siora Rosaura.

Arlecchino. Ho capido.