Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/633

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Farastu pulito?

Arlecchino. Cugnà, no te dubitar.

Brighella. Fallerastu?

Arlecchino. Cugnà, no gh’ è dubbio.

Brighella. Da bravo. Fatte onor.

Arlecchino. Arrevederse, cugnà.

Brighella. Addio, Arlecchin.

Arlecchino. Mo per cossa no me distu cugnà?

Brighella. Ti me l’ha dito ti tante volte, che sta parola la m’ha de botto secca.

Arlecchino. Vago via, cugnà.

Brighella. Schiavo..,

Arlecchino. Cugnà.

Brighella. Quel che ti vuol.

Arlecchino. Caro ti, fame un servizio.

Brighella. Cossa vustu?

Arlecchino. Dime cugnà.

Brighella. (E1 me fa da rider), (da se) Te saludo, cugnà.

SCENA VII.


Pantalone. Debotto xe sera; xe ora che vaga a casa a concluder sto negozio... (Ma ecco qua el sior avvocato delle cause perse). (da sé)

Dottore. (Ecco qui il signor mercante da’ fichi secchi), (da sé)

Pantalone. (Oh che caro dottor senza dottrina!) (da sé)

Dottore. Servitor suo, signore sposo.

Pantalone. Schiavo devotissimo, sior erede. Oh presto, presto: ma co le se farà, la sarà awisada. Spero che la me favorirà d’onorarme de vegnir a bever un sorbetto. (con ironia