Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/635

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA IX.

PA^^■ALONE. Senti, o ti ha da far a modo mio, o ti sarà causa che me darò anca mi alla desperazion. Veggio che ti sposi Rosaura.

Pantalone. Cossa m’importa a mi d’esser ricco, se la mia ricchezza poi esser causa della morte del mio caro fio? 1 pari no i gh’ha altro ben a sto mondo, che el ben delle so creature. Ti xe el mio sangue, te veggio consolar, ancora a despetto della to ostinazion. Aspetteme qua. Vago a tior Rosaura, e su do pie voggio che ti ghe tocchi la man.

Ottavio. Ma io certamente...

Pantalone. Tasi là. Se no ti gh’ha premura per ti, abbi respetto per mi. Se no ti voi farlo per amor, falò per ubbidienza. La vertìi d’un fio consiste sora de tutto in tei obbedir a so pare. Se ti continui a esser ustinà, la to virtù deventa viziosa, e invece de obbligarme a volerle ben, te sarò el mazor nemigo che ti gh’abbi a sto mondo. Dise el proverbio: per strada se drezza soma; mettete in viazo cusì alla meggio co sta polledrina amorosa, e se te par che adesso la vaga zoppegando, co la sarà to muggier, ti la farà marchiar de galoppo. (parte

SCENA XIV.


Pantalone. Cossa halo da spiegar, se noi sa cossa diavolo che el se diga?

Florindo. (La semplicità di costui mi ha giovato infinitamente), (parte)

Pantalone. Orsù, doman la discorreremo meggio. Sior Florindo, contenteve de andar fuora de sta casa. Finalmente, se fusse anca vero che Rosaura v’avesse fatto vegnir, questa la xe casa