Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, VI.djvu/332

Da Wikisource.
320

Guglielmo. Anca questa xe giustada, e poi esser che de un nemigo m’abbia acquista un protettor. A sto mondo sta ben a saver un poco de tutto. Vien de quelle occasion, che tutto bisogna. Dise ben el proverbio: impara l’arte e mettila da parte. Questo xe el servitor de D. Filiberto... Costù sempre me bottiza, sempre me perseguita. L’ho sopporta per amor dei so paroni, ma adesso veggio schivar l’occasion de bastonarlo. Me retirerò qua da drio, a aspettar Eleonora. (si ritira)

SCENA XVII.

Arlechino con borsa in mano.

Arlecchino. Oh bella! In casa se mor da fame. La me padrona gh’ha tutti sti bezzi, e inveze de magnarli, la li manda a D. Livia. S’ha visto un mattezzo più grando?

SCENA XVIII.

Paggio di casa di D. Livia, e detto.

Paggio. Questa mia padrona è curiosa. Manda via il signor maestro, e poi lo fa ricercare, e vuole che torni.

Arlecchino. Quel zovene, bondì sioria.

Paggio. Oh, buon giorno, Arlechino!

Arlecchino. La vostra patrona èla in casa?

Paggio. Sì, è in casa, son due ore che non fa altro che chiacchierare con una forastiera.

Arlecchino. Bisogna che ghe parla.

Paggio. Cosa volete da lei?

Arlecchino. Se savessi, ho una rabbia maledetta.

Paggio. Perchè?

Arlecchino. La mia patrona ghe manda vinti doppie.

Paggio. Venti doppie? Perchè? D. Livia non ne ha bisogno.

Arlecchino. L’è quel che digo anca mi, no la ghe n’ha bisogno.

Paggio. Ella è ricca. Ne ha delle doppie da donar via.

Arlecchino. Donca l’è mèi che no ghe daga gnente.