Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VIII.djvu/347

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



la stima de eia, e ghe despiase che la sia desgustada. A primo intro, sentindose dir da sior conte Lelio, cussi a sangue freddo, de cazzar via un so servitor, gh’ha despiasso un pochetto, e credo che gh’abbia despiasso, perchè el ghe l’ha dito con un poco de caldo. A quel servitor el ghe voi piuttosto ben, xe un pezzo che el lo gh’ha, ghe despiase a mandarlo via.

Beatrice. Dunque non lo vuol licenziare?

Pantalone. Vederemo ...

Corallina. Se non lo licenzia, non si fa niente.

Pantalone. La me missia (’) tutto el sangue.

Beatrice. Chetati, e lascialo parlare.

Pantalone. Sior conte Ottavio xe pronto a far che Brighella ghe domanda perdon.

Corallina. Eh!

Pantalone. El farà anca che el se cava la livrea ...

Corallina. Eh!

Pantalone. El vegnirà senza livrea a domandarghe scusa.

Corallina. Freddure!

Pantalone. (Debotto no posso più !) (da se) Se la comanda, el lo farà star tre o quattro zorni fora de casa ...

Corallina. Mi vien da ridere.

Pantalone. El se raccomanderà a eia, perchè la lo fazza tornar a torlo.

Corallina. Oibò, oibò.

Pantalone. Coss’è sto oibò? Cossa gh’intreu? Cossa ve storzeu? Siora Contessa, la me perdona, no so come che la sopporta un’insolenza de sta sorte.

Beatrice. Animo, va via di qua. (a Corallina)

Corallina. Ma signora ...

Beatrice. Va via, dico.

Corallina. La vostra riputazione vuole ...

Beatrice. Giuro al cielo, sai?

Corallina. Vado. (Vecchio del diavolo, me la pagherai!) (da sé, parie (1) Mi fa rimescolare il sangue.