Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Lo conossì l’illustrissimo sior capitanio Orazio Sbocchia?

Arlecchino. Lo conosso, perchè l’ho sentì nominar.

Brighella. No savi che l’ha da esser colonnello d’un reggimento?

Arlecchino. Mi, per dirvela, de sta cossa no me n’importa niente.

Brighella. Saverè ch’el sior dottor Polisseno ha da esser auditor.

Arlecchino. I me l’ha dito, ma no me n’importa.

Brighella. E stassera el sior Pantalon gh’ha da pagar una cambiai de tremile zecchini.

Arlecchino. Tremile zecchini?

Brighella. De questo ve ne importa?

Arlecchino. Me n’importeria, se ghe n’avess anca mi la mia parte.

Brighella. Dem 0) da magnar e da bever, e de quei zecchini ghe n’averi anca vu.

Arlecchino. Dem de quei zecchini, e ve darò da magnar.

Brighella. Benissimo; doman ve farò veder tanto de borsa.

Arlecchino. E mi doman ve averzirò tanto de porta.

Brighella. (Furbo maledetto! Pussibile che noi gh’abbia da cascar?) (da sè)

Arlecchino. (Son bergamasco. No i me la ficca). (da sè)

Brighella. Disim un poco, vu che sì pratico de sto paese, ghe saria nissun che voless vegnir nel nostro reggimento per eser- citar l’impiego del vivandier?

Arlecchino. Coss’elo mo el vivandier?

Brighella. L’è uno che seguita el reggimento per tutto, che porta i so carriazi con pan, vin, carnami, menestre, ovi e cosse simili, e serve i offiziali, i soldadi, e vende la roba el doppio de quel che la vai, e se fa ricco in pochi anni, e el vadagna un tesoro.

Arlecchino. E chi lo paga?

Brighella. Chi lo paga? El cassier del reggimento. El va colle so note alla cassa. E el dì che se dà le paghe, el tira i so quattrini un sora l’alter, e no se ghe batte un soldo.

Arlecchino. No se ghe batte un soldo?

Brighella. I son prezzi fatti. Se paga subito. (I) Così l’ed. Pasquali. Pitleri : Jone; Zatta : dene.