Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'IMPOSTORE 131


Arlecchino. E se vende el doppio?

Brighella. Siguro. Quel comodo d’aver la roba pronta, fa che se paga el doppio.

Arlecchino. E se paga subito?

Brighella. Immediatamente. Senza contrasti; dal cassier; un sora l’altro.

Arlecchino. Ghe dirò, signor, se i me credesse abile de servirli, me esebirave mi a sta carica de vivandier.

Brighella. Anzi vu saressi a proposito più de nissun: ma vu sè un omo comodo, no vorrè andar via da sto paese.

Arlecchino. Eh, i Bergamaschi, co se tratta de vadagnar, i anderia in cap’al mondo. Vardè pur se el sior colonnello me vol far sto onor.

Brighella. Col sior colonnello, per dirla, basta una mia parola.

Arlecchino. Animo donca, sior soldado...

Brighella. No, no soldado, sargente.

Arlecchino. Da bravo, sior sargente, una paroletta per mi.

Brighella. Veramente questi i è posti, che chi li vol, sol pagar cento, cento e vinti zecchini.

Arlecchino. Oh, co se tratta po de spender, gnanca un soldo.

Brighella. A mi no m’importa; no tendo a ste cosse. Semo quasi patrioti; lo vôi far senza nissun interesse; lassè far a mi.

Arlecchino. Via, anca mi saverò le mie obbligazion.

Brighella. Vado subito dal sior capitanio, avanti che ghe parla nissun.

Arlecchino. Presto, e pulito.

Brighella. Ma... quella povera zente cossa ghe n’oi da far? Feme el servizio, fin che torno, lasseli vegnir drento a repossar.

Arlecchino. Caro sior, gh’ho le mie difficoltà.

Brighella. No, caro amigo, compatime. No savì far el voster interesse. Se avì da servir el rezimento da vivandier, se avì da dar da magnar a sti soldadi che paga subito, che paga el doppio, non è ben fatto che principia a far amicizia, a entrarghe in grazia, a farve merito con qualche cortesia?

Arlecchino. Sior sargente, no la parla mal.