Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

215


bona ose, bona chiaccola; el se farà. Sì ben, el se farà. De questo no me descontento. Ma feme sto servizio, lasse che senta anca Pantalon.

Ottavio. Volentieri. Venga, signor Pantalone. Una persona la vuol vedere.

Pantalone.

Pantalone. Chi elo questo che me voi véder? Se nol xe orbo, adessadesso el me vederà.

Ottavio. Eccolo qui. Il signor Zamaria della Bragola.

Pantalone. Sior Zamaria lo cognosso, el me cognosse; se cognossemo. Com’ela, compare? Se gh’ho el babio1 coverto, me doveressi calumar2 alla ose.

Zamaria. Aspettè mo... seu fursi?...

Pantalone. Son mi, senz’altro.

Zamaria. Eh via! (maravigliandosi)

Pantalone. Che cade! (secondando le sue maraviglie)

Zamaria. Vu sè?

Pantalone. Mi son.

Zamaria. Mo perchè qua?

Pantalone. Mo perchè no de là?

Zamaria. Che novità? che mutazion xe questa, compare?

Pantalone. No savè quel che dise el Tasso?

          «Che nel mondo mutabile e leggiero
          «Costanza è spesso il variar pensiero.

Zamaria. M’oggio da consolar, o m’oggio da condoler?

Pantalone. Per adesso gnente. Aspettè da qua un per de ore, e pò me la saverè contar. Se piaso, compare, ho fatto zornada3; se despiaso, gnanca per questo no me vôi desperar. Chi elo quel temerario che a primo intro4 se possa lusingar de far buso?5 Se fussimo fora de Venezia, anca anca vorria

  1. Bobbio significa volto, burlescamente. [nota originale]
  2. Calumar conoscere, in linguaggio furbesco. [nota originale]
  3. Ho fatto una buona giornata, cioè un buon negozio. [nota originale]
  4. A prima vista. [nota originale]
  5. Far incontro. [nota originale]