Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/467

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

TORQUATO TASSO 453

Tomio. Mi son... se poderia parlar con libertà? (a don Gherardo)

Torquato. Che impertinenza è questa? (come sopra)
Gherardo.  A me?
Tomio.  Che inciviltà!
Gherardo. A me? Mi renderete conto di tal parola,
Signor Torquato Tasso, signor Cosmo Carriola. (parte)

SCENA VIII.

Torquato e Tomio.

Torquato. Non so che dire intenda.

Tomio.  No ghe badè a colù.
Torquato. Vorrei che si spiegasse.
Tomio.  Mo via, tendemo a nu:
Son vegnù da Venezia apposta per trovarve.
Xe do ore che aspetto; me preme de parlarve.
Son Tomio Salmastrelli; son galantomo, e son
Uno che per i amici qualche volta xe bon.
Me piase i vertuosi, li tratto volentiera,
Conversazion con lori fazzo squasi ogni sera.
No son de quelle sponze, che suga qua e là
Tutti i pettegolezzi de tutta la città;
No son de quei che perde el tempo malamente
A criticar poeti, a dir mal della zente.
Amigo son de tutti; no vôi antegonista,
No disprezzo l’Ariosto, benchè mi sia tassista.1
No digo questo è el primo, quest’altro xe el segondo;
Del merito de tutti fazza giustizia el mondo.
La bella verità presto o tardi trionfa;
Rido de chi se scalda, rido de chi se sgionfa.

  1. Mentre ricorda le vecchie conlese tra i fanatici dell’Orlando e della Gerusalemme, che di recente avevano offerto argomento di commedia a G. C. Becelli di Verona (L’Ariostista ed il Tassista, Roveredo, 1748), allude l’autore alla cieca lotta dei goldonisti e dei chiaristi, vivissima in questa e nella precedente stagione comica.