Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 ATTO TERZO

Rosega. Sì ben. Se troveremo. Sentìu? vegno con vu.

(a Anzoletto)
Anca ti, Momoletto, ti vegnirà con nu.
Momolo. Mi vago a inmascherarme: fin adesso ho laorà.
Anzoletto. (Me despiase de Gnese, che la me aspetterà). (da sè)
Rosega. Deme man per un poco. Anca vu, sior baron.
In mezzo de do zoveni, come che paro ben!
Anzoletto. Vago a far un servizio.
Momolo.  Me vago a inmascherar.
Anzoletto. Se troveremo in Piazza. (parte)
Momolo.  Ve vegnirò a trovar. (parte)
Rosega. Vardè. Cussì i me impianta? i me lassa cussì?
Che vaga sola in Piazza? oh poveretta mi.

SCENA V.

Sior Raimondo e donna Rosega.

Raimondo. Rosica, siete voi?

Rosega.  Sentì che bella usanza!
Quando che se xe in maschera, se parla con creanza.
Raimondo. Dite, sapete nulla se Dorotea sia andata?
Rosega. No so gnente. (cor sdegno)
Raimondo.  Ma via, non fate la sdegnata.
Rosega. Se xe vero... vardè! par che se sia villani.
Rosica! che parlar proprio da scalzacani!
Raimondo. (Or or mi vien la rabbia). (da sè)
Rosega.  Malignazo!
Raimondo.  E cussì?
Rosega. L’ha manda l’imbassada.
Raimondo. Quando?
Rosega. Vegnì con mj.
Raimondo. Dove?
Rosega.  Vegnì con mi. Stè sulla mia parola.
Raimondo. Eccomi, son con voi.
Rosega.  (Cussì no vago sola).