Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
184 ATTO QUARTO

Dorotea.  L’ho comprà che xe poco.

Costanza. Lo cognosso sto anello.
Dorotea.  L’ho compra da un aloco,
Per pochissimi bezzi.
Costanza.  Eh, che l’ho cognossù.
Dorotea. Ghe par?...
Costanza.  Eh, che me fazzo maraveggia de vu.
Dorotea. Come sarave a dir?
Costanza.  Xela poca prudenza
Vegnirmelo a mostrar, o xela un’insolenza?
Dorotea. Siora, vu ve scaldè, e no so la rason.
Sto anello che ve dago, credeu che nol sia bon?
Costanza. E1 xe bon, lo cognosso, ve l’ha dà mio mario.
Dorotea. L’ho comprà.
Costanza.  No xe vero.
Dorotea.  Dèmelo qua.
Costanza.  El xe mio.
Dorotea. Come! anca de queste?
Costanza.  Cara siora, tasè.
Dorotea. Che tasa? tre zecchini...
Servitore.  (Col caffè)  Comandele el caffè?
Dorotea. Tre zecchini gh’ho dà. L’ho tolto stamattina;
Domandeghe a Zanetta.
Costanza.  Che cara paronzina!
L’al compra, e la lo impegna cussì presto? Perchè?
Dorotea. Perchè ghe n’ho bisogno.
Servitore.  Comandele el caffè?
Dorotea. Posso, quel che xe mio, e venderlo e impegnar.
Servitore. Comandele el caffè?
Dorotea.  Andeve a far squartar.
(al servitore)
Colle donne onorate no se parla cussì. (a Costanza)
Servitore. El caffè. (a Costanza)
Costanza.  No vôi altro.
Servitore.  Me lo beverò mi. (parte)