Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 ATTO QUARTO

Costanza. Credème, siora, che xe maggio per vu.

Dorotea. Roba da chi no so, no ghe ne compro più.
Costanza. Servive, e compatime della mala creanza.
Se ho fallà, se ho eccedesto, domando perdonanza.
Compatì una muggier che vive sospirando.
Certo, se sè innocente, el sospetto xe grando.
Dorotea. Gh’ave rason; ma spero poderve sincerar.
Patrona.
Costanza.  Ghe son serva.
Dorotea.  (Veggio andarme a reffar).
(da sè, e parte)
Costanza. Perso fora de deo che l’abbia sior Raimondo?
Chi sa? se ne dà tante combinazion al mondo.
L’anello xe passà per man de una massera.
La patrona lo compra, no la sa de chi el giera.
No so cossa pensar: presto se saverà;
Ma ho dito el fatto mio, e l’anello xe qua. (parte)

SCENA IV.

Camera di quel dal caffè.

Meneghina in maschera, e Momolo in maschera.

Meneghina. Le m’ha lassà qua sola, co fa una mamalucca.

Momolo. No songio mi con vu?
Meneghina.  Che stropolo1 de zucca!
Momolo. Vardè che bel suggetto! Ve liccaressi i dei.
Meneghina. No son un bel soggetto; ma no voggio putei.
Momolo. Putelo come son, son ben visto da tante.
Me despiase dasseno, che no ghe sia el zigante.
Meneghina. Povero sporco!
Momolo.  Via, che bisogno ghe xe?
Son zovene capace de pagarve el caffè.

  1. Turacciolo; e qui torsolo. Si dice figuratamente di persona piccola.