Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 189

Zanetta.  Mi no. (Cossa diseu, che fusto?

Stè zitto, e secondene, che gh’averemo gusto).
(piano a Anzoletto)
Anzoletto. Bella da galantomo.
Gnese.  Sta maschera chi xela?
Meneghina. Oe! no me cognossè?
Zanetta.  (Via, che ti xe putela).
(piano a Meneghina)
Meneghina. (Vorle far una burla?) (piano a Anzoletto)
Anzoletto.  (Sì, per quel che se sente).
(piano a Meneghina)
Momolo. Siore maschere, a mi no se me dise gnente?
Zanetta. Oh, patron riverito! (burlando Momolo)
Gnese.  Anca el forner xe qua?
Zulian. (No stemo ben, amigo). (piano a Biasio)
Biasio. (No ghe xe proprietà).
(piano a Zulian)
Andemo. (a Gnese)
Gnese.  Mo perchè?
Zulian.  Maschera, andemo via?
(a Zanella)
Anzoletto. Siori, no le se degna della mia compagnia?
Son un putto civil. Son omo, e son secreto.
Dei omeni de età gh’ho stima e gh’ho respeto.
Za so el viver del mondo, semo omeni alfin.
Semo de carneval. Godemose un tantin.
Zulian. Cossa diseu? Restemio? (a Biasio)
Biasio.  Fazzo quel che fè vu.
(a Zulian)
Gnese. Via, no gh’è suggizion.
Zanetta.  Saremo do de più.
Biasio. Fa portar el caffè. (a Momolo)
Momolo.  A mi?
Biasio.  A ti.
Momolo.  Debotto... (con sdegno)