Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Felice. Mio mano xe un bel matto? Brava, sè ben curiosa.

Tonina. Digo CUSSI per dir. Zela fursi zelosa?
Felice. Se poderave dar, che avesse zelusia
De qualche altro soggetto, ma de vu no, fia mia.
Tonina. Certo che de mi no, perchè se sa chi son;
Da resto...
Felice. El vederessimo cascar a tombolon.
Tonina. Ghe n’ è casca dei altri.
Felice. Dasseno.
Tonina. Sì dasseno.
Felice. Vardè. Dalla paura mi stassera no ceno.
Tonina. La burla a pian, patrona; se fusse una de quelle....
Da sior Zanetto Trigoli ghe n’ho sentio de belle.
Felice. Cara vu, feme rider.
Tonina. Songio la so buffona?
Felice. Propriamente ve godo.
Tonina. Ghe 1 dirò alla parona.

SCENA V.

Siora Marinetta e dette.

Marinetta. Cossa xe sta, Tonina?

Tonina. Gnente.
Felice. Ve dirò mi.
Tonina. Via, no la fazza scene.
Felice. La m’ha dito cussi.
Che Nane mio mario...
Tonina. Che bisogno ghe xe?
Marinetta. Via, parie con rispetto, e no ve imusonè (’).
Deghe a Beppo sta lettera, e che el la porta presto
Da quello dalle acque (2) all’insegna del cesto.
Tonina. Siora sì. (ingrugnada)
(I) Non fate A grugno: Patriarchi e Boerio. Vol. II. 202 e 239. (2) Botteghe da
acque (agghiacciate) dicevansi le botteghe da caffè.