Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lucrezia. Via, sentemose un fià (’). (siede)

Bettina. Stassera ghe tornèmio?
Marinetta. Nualtre ghe tornemo.
Bettina. La diga, siora mare, nu gh’anderemio?
Lucrezia. Andemo.
Mi savè che no ballo, ma me deverto assae.
Quante scene giersera che ho viste e che ho notae.
Felice. Mo za chi no fa gnente, nota tutte le cazze (2).
Lucrezia. Cossa diseu de Beppa? Ah? mo che gran cossazze!
Che abiti! che zoggie (3)! Come diavolo fala?
Bettina. E con tutti i so abiti, mo co mal che la baia!
Lucetta. Cara ti, cossa serve? se no la baia ben.
La fa meggio le carte (4) con chi va e con chi vien.
Marinetta. Mi la me stomegava con quei so complimenti.
Felice. E pur, co la parlava, tutti ghe stava attenti.
Lucrezia. Mo no fala da rider? Vardè come la fa.
Sior Conte, devotissima. La se comoda qua.
Son un poco stracchetta; ballerò adessadesso.
La me tegna sta ventola (5). Grazie, con so permesso.
Marinetta. Brava, brava, Lucietta; l’imitè a perfezion.
Felice. E Lugrezia Malsesto che stava in quel canton?
Lucrezia. Mo quella... la gh’aveva... basta, za me capì.
Saverè, Marinetta.
Marinetta. Mei voleu dir a mi?
So tutto.
Bettina. De Lugrezia che novità ghe xe?
Se maridela fursi?
Lucrezia. Via, via, vu no gh’ intrè.
Ghe giera.... (piano a Marinetta)
Marinetta. Quell’amigo. (piano a Ludetta)
Felice. Contème. (piano a Ludetla)
(I) Sediamoci un pochino. Vol. XII, 127, 474. (2) Osserva gli atli altrui: v. Patriarchi e Boerio. (3) Gioielli. (4) « Far le carte, si dice di chi nella conversazione cicala
per tutti gh altri »: Patriarchi, Vocalalario cer\ez. e padovano, Padova, 1821 (3.a ed.).
(5) Ventaglio.