Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lucietta. Quel marzer (I).

(piano a Felice)
Felice. La vorlo tor? (piano a Lucietta)
Lucrezia. Seu matta? se el gh’ha un’altra muggier.
(piano a Felice)
Felice. Cossa che me conte!
Bettina. Siora mare, vien tardi.
Lucietta. Cossa voi dir, patrone, quei galanetti (2) sguardi (3)?
Marinetta. 1 xe air ultima moda. Ghe ne voleu?
Lucietta. Mi sì.
Marinetta. Ve ne posso dar uno.
Bettina. Siora Marina, e mi?
Marinetta. Uno a anca vu, sì ben.
Felice. Oe digo, Marinetta...
(le fa un cenno)
Marinetta. Eh sì, sì, v’ho capìo; lasso che le se i metta.
Lucietta. Cara siora Felice, cossa gh’aveu paura?
Bettina. No me par che sta moda la sia una cargadura (4).
Un poco de galan...
Felice. Cossa m’importa a mi?
Lucietta. Se le lo porta eie, el se convien più a ti.
Marinetta. Sì ben, tutte d’accordo. Me vago a inmascherar.
Parecchio el galanetto, e vel vegno a portar.
Felice. Oe, sentì, Marinetta...
Marinetta. (So quel che volè dir.)
Lassème far a mi, che me voi devertir).

SCENA VIII.

Siora Felice, siora Lucietta e siora Bettina.

Felice.+ (Sì, sì, de Marinetta capisso l’intenzion.) Ma no vorria che in tante se lasse conhision. Eie no le sa gnente). (1) Mereiaio. (2) Nastrini, fettucce. (3) Sguart^o, vermiglio, rosso acceso: Patriarchi e Boerio. (4) Caricatura, affettazione: Boerìo. }}