Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Zanetto. Pazenzia! strapazzeme.

Tonina. Le parole no mazza (’).
Zanetto. Mia muggier no se vede.
Tonina. Cossa voleu da eia?
Zanetto. L’ha porta via le chiave. No gh’ho bezzi in scarsela.
Son usa, co me levo, andar a marendar.
Felice stamattina la m’ha fatto zunar (2).
Tonina. Povero pampalugo, in verità la godo.
Zanetto. Brava; tire de longo.
Tonina. Vorressi un panimbrodo?
Zanetto. Perchè no?
Tonina. Sì, fio mio, aspettè, che vel fazzo.
L’ha porta via le chiave. Povero minchionazzo. (parte)
Zanetto. Tocca via de sto passo. Qualche volta me vien
L’amor in ti garettoli (3), la me voi troppo ben.
Ma za ghe son avezzo a tor le strapazzae,
E Felice in sto conto la me voi ben assae.
Toni N A. Fina che boggie el brodo, son vegnua a parecchiar.
Ho ordenà, col xe fatto, che i lo vegna a portar.
(prepara un tavolino colla salvietta e la posata ecc.)
Zanetto. Se vien zente?
Tonina. N’importa.
Zanetto. Sior Luca gh’ èlo?
Tonina. El gh’è.
Zanetto. No vorria che el disesse...
Tonina. Che bisogno ghe xe?
Zanetto. Magnar in casa soa senza parlar con lu...
Tonina. Non ho visto a sto mondo un sempio co fa vu.
Zanetto. Grazie.
Tonina. Senteve zo, che xe qua el panimbrodo.
(viene un servitore col panimbrodo)
Zanetto. Se vien siora Marina?
Tonina. Ve manderia sul sodo.
(I) Non uccidono. (2) Star a digiuno. (3) « Giù dei garretti, cioè vien meno, svanisce »: Cameroni. Vedasi l’ultimo verso di questo atto.