Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Felice. No digo gnente. (sogghignando)

Luca. Come? (a Marinella)
Marinetta. Digo de sì.
(sogghignando)
Luca. Ride? Co se xe vecchi, i ne tratta cussi.
Me diol, e ancora i ride. Se vivesse to mare!
Senti sa, frasconazza, no scoffonar (l) to pare.
Siora? (a Felice)
Felice. Per mi no parlo.
Luca. Vardè là che bel sesto!
Anca vu sarè vecchie, se no creperè presto.
I omeni anca vecchi i è boni da qualcossa.
La donna l’ha fenio, co la xe vecchia e flossa.
(parte)
Felice. Oh che caro vecchietto! no ghe respondè gnente?
(a Marinella)
Marinetta. Cossa gh’oi da responder? Savè che noi ghe sente.
Felice. E quel povero Bortolo?
Marinetta. Povero fantolini
Felice. Perchè farlo zurlar (2)?
Marinetta. No saveu? per morbin.
Felice. E1 xe fora de elo, gramazzo! el xe ben grezo (3).
Marinetta. El crede a ste faloppe, se poi sentir de pezo?
Oh sior’ amia, sior’amia.
Felice. In maschera anca eia?
Marinetta. Oe, co sior Ferdinando.
Felice. Marina, come xela?
Marinetta. Scondemo sti galani.
Felice. Sì, che noi ne cognossa.
Marinetta. Mia amia col foresto?
Felice. No saveria per cossa.
( I ) Deridere, beffeggiare: Patr. e Boetio. (2) Nelle edd. Guibert-Orgeas, Zatta ecc.
è stampato per enore zurar. (3) Semplice, inesperto: li, 568.