Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Silvestra. Via, che el magna anca elo.

Felice. Digo, sior Ferdinando; de che paese xelo?
Ferdinando, L’ho detto un’altra voha, la mia patria è Milano.
Lucietta. Xelo conte o marchese?
Ferdinando. Io sono un ciarlatano.
Silvestra. Cossa?
Marinetta. Via, che noi staga a dir de sti strambotti.
Silvestra. Certo el xe un zaratan che zoga ai bussolotti.
El xe un bravo sparissi, e confessar convien.
Che el m’ha fatto sparir el cuor fora dal sen.
Ferdinando. E il mio dov’è sparito? il mio dove sarà?
Marinetta. Credo poco lontan. ^
Ferdinando. E vero.
Silvestra. El soo xe qua.
Felice. Putti, deme da bever.
Lucietta. Troppo presto, fia mia.
Felice. Eh, che voggio che el vin me metta in allegria.
Voleu che stemo qua co fa tante marmotte?
Animo, fazzo un prindese: Viva le zovenotte. (ieve)
Silvestra. Grazie.
Bettina. Più tosto a mi sto prindese el me tocca.
Silvestra. Eh tasè là, putella, che gh’ave el latte in bocca.
Nè vu, ne vostra mare no podè dir cussi.
Felice è zovenotta; e Marinetta, e mi.
Marinetta. Oh che cara sior’amia!
Silvestra. Diselo vu. Marina,
Co vu geri putella, no gerio fantolina?
No zoghevimo insieme alle bagatelette (’)?
Ferdinando. Quanti anni può avere?
Silvestra. Zitto; i xe vintisette.
Bettina. Con quelli della nena (2)?
Lucietta. E quelli de so mare.
Bettina. E quelli de so santola.
(I) « Il divertirsi dei bambini coi pupi o con le bambole »: C. Musatti. C. G. e il
vocab. venez., Ven., 1913. (2) Balia. Vol. XII, 161 ecc.