Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Felice. E quei de so compare.

Silvestra. Oe, voleu che ve diga de quei che v’ha nanio? (!)
Ferdinando. Non vedete che burlano?
Silvestra. Lo so, Io so, fio mio.

SCENA VII.

Bortolo e detti.

Bortolo. Bon prò fazza, patroni.

Bettina. Oh, Bortolo xe qua.
Lucrezia. Che bon vento ve mena?
Marinetta. Disè. L’aveu trova?
(a Bortolo)
Bortolo. Chi?
Marinetta. L’amigo.
Bortolo. Nissun noi cognosse a Castello.
Felice. Oe, sentì una parola.
Bortolo. La diga mo. (si accosta a Felice)
Felice. (E1 xe quello), (accenna Ferdinando)
Bortolo. (Per diana! ) (da sè)
Lucietta. Bortoletto, semo qua in compagnia.
Bortolo. Brave, brave, patrone; digo, sior Zamarìa.
(a Ferdinando)
Ferdinando. A me?
Bortolo. A ella.
Felice. Sentì. (Noi xe miga el novizzo).
(piano a Bortolo)
Bortolo. (Mo chi xelo?) (piano a Felice)
Felice. (E1 compare). (piano a Bortolo)
Bortolo. (Chi? sior Conte Pastizzo?) (2)
(piano a Felice)
Felice. (Giusto elo). (piano a Bortolo)
(I) « Maniera che comprende ogni sorte di villania »: vol. VIII, 156, n. a; XII, 133 ecc.
(2) Pastizzo, pasticcio; e figurai, raggiro, intrigo, guazzabuglio, imbroglio. Vedasi a pag. 157.