Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Marinetta. (Oh che inatta!) Voleu sentarve a loia?

(a Bortolo)
Bettina. Vegnì arente de mi.
Bortolo. Sior Conte, una parola.
(a Ferdinando)
Ferdinando. Dite a me?
Bortolo. Digo a eia.
Lucrezia. Conte de quella spessa (0.)
Silvestra. Sior sì, sior si, el xe conte, e mi sarò contessa.
Ferdinando. Io non ho questo titolo, garbato signorino.
Bortolo. Noi xe el Conte Pastizzo?
Ferdinando. No, il mio bel simoncino (2).
Bortolo. Coss’ è sto strapazzar?
Marinetta. Caro quel bel sestin!
No vedeu che se burla, che el femo per morbin!
V avemo dà da intender che Betta xe novizza.
Per vèderve un pochetto a ranzignar la schizza (3).
No ave mai sentìo a dir: sior mistro Zamaria (4),
Baratteme etecetera? Vu ve l’ave sorbia.
Volevimo chiarirve, e vu ne se scampa,
E el povero sior pare Tavè quasi coppa.
Bettina. Vardè che belle bude!
Bortolo. Xele cosse da far?
Felice. Via, via, beveghe suso; lassevela passar.
Bettina. Senteve qua. (gli fa loco)
Marinetta. Siè bon. Porteghe una carega (5).
Bortolo. Gh’ho un velen, se savessi...
Lucrezia. Via, no fè che i ve prega.
Silvestra. Quando le feu ste nozze?
Lucrezia. Drento de carneval.
Silvestra. E nu, sior Ferdinando?
Ferdinando. (Oh le farei pur mal!)
(I) « Specie d’epiteto di mal odore »: Cameroni, I. e. (2) « Stupiduccio »; Cameroni.
Simon, scimunito, balordo: Boerio. (3) » A raggrinzare il naso »: Cameroni. (4) Vedasi
a pag. 137. (5) Sedia.