Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/199

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Silvestra. Marina ha sempre dito

Che sposerè sior amia.
Ferdinando. È vero, io l’ho sentito.
Son forestier, mi manca la cognizion perfetta.
Ho creduto che amia voglia dir Marinetta.
Silvestra. Mo sè ben ignorante, amia voi dir la zia.
Ferdinando. E questa? (a Marmetta)
Silvestra. Xe mia nezza.
Ferdinando. La nezza è sposa mia.
Marinetta. Mi no so cossa dir, sior’ amia benedetta,
Per eia ghe xe tempo, za la xe zovenetta.
La xe stada una cossa nata per accidente.
La diga; ghe despiase?
Silvestra. No me n’importa gnente.
(con sdegno)
Felice. Orsù, xela giustada? Sior Luca xe contento.
El ve darà la dota.
Marinetta. Gh’alo sentio?
Luca. Ghe sento.
Senza che el pare sappia, donca se fa e se dise?
(a Marmetta)
Silvestra. La me l’ha tolto a mi, quella cara raìse (0.)
Luca. Adesso el se me dise! ve par che para bon?
Marinetta. Mo via, caro sior padre, ghe domando perdon.
Luca. Cossa?
Marinetta. De quel che ho fatto, domando perdonanza.
(forte)
Luca. Dov’èlo sto no vizzo? Certo una bella usanza!
Felice. Via parleghe, ma forte, se volè che el ve senta.
(a Ferdinando)
Silvestra. (Ancora gh’ho speranza che lu no se contenta), (da sè)
Ferdinando. Signor, vi riverisco con umile rispetto.
Arsi per vostra figlia del più sincero affetto.
(I) Ironico. Quella cara gioia Cameroni. Vedasi vol. Il 200, V 438. Xll 124 ecc..
XIII 319.