Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/414

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ottavio. Che vuol dir che vi vedo confusa ed agitata?

Forse è cagion la lettera?
Lelio. (Temo sia innamorata).
Brigida. La senta, sior Ottavio.
Ottavio. Eccomi a voi repente.
Brigida. Ghe confido sta polizza, ma che noi diga gnente.
Ottavio. (Brigida mia carissima, a forza son costretto)
Lasciarvi in abbandono, ad onta dell’affetto.
Mio padre mi richiama...) (legge in disparte)
Lelio. Posso sentire anch’io?
Ottavio. Permettete che il senta anche l’amico mio.
(a Brigida)
Brigida. Me despiase...
Ottavio. Che importa?
Lelio. Sono in curiosità.
Ottavio. Non vi perdete d’animo; qualche cosa sarà, (a Lelio)
Quel che scrive, è un amante.
Lelio. L’ho detto.
Ottavio. E che per questo?
Le cose di tal sorte io le accomodo presto.
Contessa adoratissima.
Brigida. Disc cusì?
Ottavio. Tacete.
So leggere, signora.
Lelio. Caro amico, leggete.
Ottavio. Pur troppo da gran tempo io vidi a più d’un segno.
Che della grazia vostra son diventato indegno.
So che Lelio dal Sole teneramente amate.
Brigida. Dise cusì? (ad Ottavio)
Ottavio. Tacete. (a Brigida)
Lelio. Amico, seguitate.
Ottavio. Di ciò solo vi prego, ditemi s), o no.
Cosa risponderete? (a Brigida)
Brigida. Mi dasseno noi so.
Ottavio. Galantuomo. (a Toni)