Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/424

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Giacometto. (Sior Ottavio e sior Lelio, sì tolemose spasso).

Ottavio. Questa xe mia moggier. (accennando Betta)
Lelio. Questa ghe xe mia sposa.
(accennando Anzoletta)
Ottavio. Questa xe mia sorella. (accennando Calte)
Lelio. De Giacomo morosa.
Tonina. (Me vien suso el mio caldo).
Betta. (Bisogna segondar).
(piano a Calte e Anzoletta)
Giacometto. (I parla el venezian, ma no i lo sa parlar).
Tonina. Se una è vostra muggier, l’altra vostra sorela,
Disè, con mio mario cossa gh’ intrela quela?
(accennando Calle)
Subito andemo via. (a Giacomelto)
Ottavio. Come! el xe maridao?
Lelio. E el ghe xe vegnù qua per far l’inamorao?
Tonina. Sentìu? (a Giacomelto)
Ottavio. Cossa disìu? (a Giacomelto)
Giacometto. Mi no so cossa dir.
(Me vien da ghignazzar, no me posso tegnir).
Tonina. Ride, sior Giacomelto? Ancora me burle?
Giacometto. Mi no rido de vu.
Tonina. El bel omo che se!
Ottavio. Presto, andemo al festin. (a Bella)
Betta. Son qua, caro paron.
Lelio. Andemoghe anca nu. (ad Anzoletta)
Anzoletta. Se me volè, ghe son.
Lelio. E sta puta con chi ghe xanderala?
Betta. (Oh belo!)
Cate ghe xanderà col so caro fradelo.
Lelio. (Parlo ben veneziano?) (piano a Giacomelto)
Giacometto. (In venezian perfeto).
(piano a Lelio)
Ottavio, Che ghe dago la man la Cate a Giacometo.
Giacometto. Sentìu?