Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Zelinda. Qui neppure. (a LinJoro)

Lindoro. Va tutto bene. (sfanJo sulla porta in allo di andarsene)

Zelinda. Benissimo. (nella stessa situazione)

Lindoro. Addio.

Zelinda. Vogliatemi bene.

Lindoro. E che nessuno lo sappia.

Zelinda. Nessuno r ha da sapere. (partono)

SCENA III.

Fabrizio esce dall’ armadio.

Non dubitate, che nessun lo saprà. Sono venuto a tempo. Non mi sono ingannato, ed ho scoperto abbastanza. Lindoro è anch’ egli una persona civile, che si nasconde per amor di Zelinda ? Tanto peggio per me. Bisogna cercare il modo di farlo cacciare di questa casa. Il mezzo più sicuro è quello del signor don Flaminio. Egli ama Zelinda, e se viene a sa- pere i segreti amori di lei con Lindoro, son sicuro che farà di tutto per allontanare un rivale, ed io medesimo lo avvertirò, e gli suggerirò di disfarsene sicuramente. Bisogna ch’ io na- sconda il mio amor per Zelinda, che faccia valere l’interesse ch’ io prendo per il mio padrone, e che mi serva dell’ amor suo per facilitare il mio. Vado subito a ritrovarlo. Ma eccolo ch’ egli viene. Eh il diavolo è galantuomo, contribuisce di buona voglia alle cattive intenzioni.

SCENA IV.

Dori Flaminio e detto.

Flaminio. Dov’ è Zelinda, che non si vede ?

Fabrizio. Signore, io non so dove sia, ma so dov’ è stata finora.

Flaminio. Come ! Dove è ella stata ? Vi è qualche novità ? (affettando dell’ agitazione)

Fabrizio. Vi è una novità, signore, che deve interessare la vostra passione, ed anche il vostro decoro. b