Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/386

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
380 ATTO PRIMO

Lissandro. E pur adesso i le vol cussì; ghe n’averò dà viaa trenta para in manco d’una settimana.

Cecilia. Cargadure1, strafari2, mode che no dura do mesi. Se vualtri che inventa ste mode strampalade per far spender i bezzi a chi gh’ha el mattezzo de tegnirve drio.

Lissandro. Siela benedetta. Tutto quel che la vol.

Cecilia. Lassè veder se gh’avè qualcossa de meggio.

Lissandro. Ghe ne vorla un par che anderà ben all’aria del so viso?

Cecilia. No le togo miga per mi.

Lissandro. Qualche commission?

Cecilia. Sì, mio fradello m’ha pregà de sto servizio.

Lissandro. Se sior Bortolo vol far un regalo, el se vorrà far onor, el vorrà qualcossa de bon.

Cecilia. No so, vede, nol m’ha dito gnente. No so che ziri ch’el gh’abbia.b

Lissandro. La lassa far a mi. So quel che ghe vol. La varda e la stupissa. (le fa vedere delle altre buccole)

Cecilia. Sì ben. Cossa varle?3

Lissandro. Mo la le esamina avanti.

Cecilia. Ho visto. So cossa le xe. Quanto varle?

Lissandro. Ghe spuzza el fià.c

Cecilia. Oh za, per carigolod, sè carigolo certo. Ma pur, via, disè quanto.

Lissandro. Vorla che fazza una parola sola?

Cecilia. Una parola sola.

  1. Dar via, vendere.
  2. Raggiri.
  3. Frase de’ cortesani, per dire che una cosa è cara, ghe spuzza el fià, cioè ha cattivo odore, perchè costa molto.
  4. Carigolo, bellissimo termine veneziano per ispiegare un uomo che vende caro.
  1. Affettazioni: v. G. Boerio, Dizionario del dialetto veneziano.
  2. Il Boerio ricorda soltanto strafaressi, e spiega con "attillatura" o sia "squisitezza della portatura e degli abiti".
  3. "Cosa valgono?": v. Capolavori di C. Goldoni curati da F. Cameroni, Trieste, Coen, 1858.