Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/388

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lissandro. Basta, digo, se a caso...

Cecilia. Sì sì, volentiera. Se mai poderò.

Lissandro. Sin adesso ho compra delle chiave (a), ma adesso le xe cussi care...

Cecilia. Sì sì caro, ve piase a divertirve per quel che vedo.

Lissandro. Oh mi sì, la veda. Laoro, e me diverto. Vadagno, e spendo. No gh’ ho muggier, no gh’ ho fioli. Tanti pia, tanti mazza (i). No fazzo debiti, ma co ghe n ho, me li godo.

Cecilia. Bravo, pulito. E no ve volè mandar?

Lissandro. Mi maridarme ! bisognerave ben che ghe n’ avesse voggia. Oh no digo gnente, perchè no vorria che la disesse che son una mala lengua.

Cecilia. Oh no, no, no v’ indubitè, che anca mi son della vostra opinion. M’ ho maridà una volta : son restada vedoa, e no me torneria a mandar gnanca se me vegnisse un re de corona.

Lissandro. Oh benedetta la libertà !

Cecilia. Oh anca mi, vede, anca mi digo cussi, che la libertà xe una bella cossa.

SCENA II.

Lucietta e detti.

Lucietta. Siora patrona.

Cecilia. Cossa gh’ è ?

Lucietta. Una maschera.

Cecilia. Una maschera ! Omo, o donna ?

Lucietta. Omo, me par. Sala chi credo ch’ el sia ?

Cecilia. Chi ?

Lucietta. Sior Zanetto.

Cecilia. Oh magari ! Vardè, e se el xe elo (’), fè ch’ el vegna avanti. (a) Compiar una chiave, s’intende comprar un palchetto. Si fa ordina- riamente questo commercio di sera in sera, [b) Quanti ne guadagno, tanti ne spendo. (I) Elio o è!o. lui.