Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/389

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 383

Lucietta. E se nol xe elo?

Cecilia. Sappième dir chi xe.

Lucietta. Siora sì. (parie)

Cecilia. EI cognosseu sior Zanetto Bigolini? (a Lissandro)

Lissandro. Mi no.

Cecilia. Fermeve qua, se no gh’avè da far, che se el xe elo, conosserè un capo d’opera.

Lissandro. In che genere?

Cecilia. In genere de cargadura, de scempiagine, de tutto quel che volè.

Lissandro. Cospetto! me lo goderò volentiera, A ste cosse mi ghe vago de vitaa.

Cecilia. Oh siestu malignazo!b el xe elo, el xe elo. (guardando verso la scena)

SCENA III.
Zanetto e detti.

Zanetto. (Mascherato in bautta, con caricatura, entra seriosamente credendo non esser conosciuto.)

Cecilia. Sior Zanetto, patron.

Zanetto. (Fa cenno con la testa che non è lui.)

Lissandro. (Oh co bello!)

Cecilia. Eh via, maschera, che ve cognosso.

Zanetto. (Fa dei lazzi, volendo sostenere che non è lui.)

Cecilia. Nol xe elo, via, nol xe elo. (toccando col gomito Lissandro) Mo chi mai xe sta maschera! Vardè co pulito! Vardè con che bona grazia! Qualche forestier certo, qualche milord che me fa sto onor.

Zanetto. (Si consola, e procura di far da signore.)

Lissandro. Co l’è cussì, vago via, zelenza. (saluta Zanetto)

Cecilia. No, no, reste, lassèghe veder, che pol esser ch’el compra qualcossa. (a Lissandro)

  1. Ghe vago de vita: me le godo infinitamente.
  2. Malignazo: quasi maledetto, per ischerzo, e modestamente.