Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/426

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
420 ATTO SECONDO

Raimondo. E quel alter chi el?

Lissandro. Un certo sior Bortolo Parigini.

Cattina. (Sior Bortoletto!) (da sè, con allegrezza)

Raimondo. Sior Bortel Parisin? Al cgnoss1, ma n’ho miga mai savù ch’ai sippia maridà.

Lissandro. Sior sì, el vegnirà anca elo co so muggier.

Cattina. (Oh poveretta mi! Anca elo xe maridà? Gran busiari che xe sti omeni). (da sè, afflitta)

Raimondo. A i ò piacer ch’i sippia el sior Bortel. El cgnoss cussì de vista: so ch’el fa d’i bon negozj, ò piaser de far amizizia con lu.

Cattina. Sior padre.

Raimondo. Coss i è?

Cattina. Vedo che sior Gasparo e siora Tonina no vien mai. Ancuo i gh’averà da far, sarave meggio che tornessimo a casa. Vegniremo più tosto un altro zorno.

Lissandro. Oh cossa disela, siora Cattina?

Raimondo. Via, via, avì pazinzia.

Cattina. E po con tutta sta zente la sa che mi non son usa...

Raimondo. Quand a i è de l’alter donne... Quand n’i è che marì e mujer...

Cattina. In verità me sento una certa cossa. Par che me vegna mal. Andemo via, caro elo.

Lissandro. Vorla una scuela2 de brodo?

Cattina. Sior no, sior no. Grazie.

Raimondo. Se vulì che andemen, anden.

Lissandro. Caro sior Raimondo, cossa vorla mai che diga sior Gasparo e siora Tonina? La ghe vorria far sto affronto?

Raimondo. L’è veira; 3 via, la mi fiola, avì pazinzia.

Lissandro. La compatisso, poveretta, xe tardi. Cossa diavolo fali, che no i se destriga4? Farò cussì, so dove che i xe, i xe

  1. Via animo.
  1. Nell’ed. Zatta: cognoss.
  2. Scodella.
  3. Lo Zatta stampa: l’i veira vi a, la mia fiola ecc. Ho qui aggiunto, per chiarire il senso, un punto e virgola, come fece il Cameroni nell’ed. citata.
  4. Che non si spicciano?