Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/430

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lucietta. (Oh Gasparina !) (da sè, ridendo)

Cecilia. La ghe diga quanto che xe che la xe maridada. (a Lucielta)

Lucietta. No so, sior, tre anni, quattr’anni. No so gnente.

Raimondo. Hala d’ i fantsin ?

Lucietta. Oh giusto. (ridendo)

Cecilia. (Oh no la tien duro custìa). (a) (da sè)

Raimondo. (Mo che bella copia !) (da sè)

Bortolo. (No son miga maridà, sala ?) (a Cattina)

Zanetto. (Gnanca mi). (piano a Cattina)

Bortolo. (Quella xe mia sorella). (come sopra)

Zanetto. (E quella xe la massera). (come sopra)

Cattina. (Oh matti maledetti tutti do !) (da sè, e riprende la ciera allegra)

Cecilia. Cossa xe de sior Gasparo e de siora Tonina, che no i se vede ?

Cattina. No i ghe xe, ma adesso adesso i vegnirà tutti do. (con) spirito, e si accosta a Gecìlia) Aspettemoli. Xe tardi, ma n’ importa. Semo in compagnia ; no xela ella ? (accennando Bortolo)

Cecilia. Siora sì, la muggier de sior Bortolo.

Cattina. (No xe miga vero, n’ è vero ?) (piano a Cecilia)

Cecilia. (Siora no, so sorella). (piano a Cattina)

Cattina. Me consolo tanto de vederla e de cognosserla. (si) baciano) E questa xe la consorte de sior Zanetto ? (a Lucietta, ridendo)

Lucietta. Siora sì. (si accosta per baciarla)

Cattina. Grazie, (si riUra) Mi no voi basar la massera. (da sè)

Lucietta. Me COgnossela ? (a Cecilia, p:ano)

Cecilia. Oh giusto ! (piano a Lucietta) Bisogna che quei matti gh’abbia scoverto tutto. (da sè)

Raimondo. Per cossa mo i avi fatt ste sgarb ? (pieno a Cattina)

Cattina. Perchè la gh’ ha mal a la bocca. (piano a Raimor.’lo)

Raimondo. Gara la sgnora delicatina. (piano a Gallina) (a) Or ora costei si scuopre.