Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/452

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Riosa. Sior patron. (coi stucchi e le scatole)

Gasparo. Cossa gh’è? (toma un passo indietro)

Riosa. Presto, ch’el metta via sta roba. (gli dà tutto)

Gasparo. Coss’ è là ? (apre e vede) (Questa xe marcanzia de Lis-) sandro). (da sè)

Riosa. L’ho trovada in cestella del taolin de portego O.

Gasparo. Chi ghe l’ ha messa ?

Riosa. No so, la patrona no certo. Che el metta via, che se la patrona se n’accorze, la se butta in canal. (parte)

Gasparo. Ho capio. Questa xe roba de sior Lissandro. El se r averà desmentegada. Gh’ ho gusto da galantomo. Sto sior cortesan ^^^ me la pagherà. Fine dell’ Allo Secondo. (1) In molte edizioni posteriori è stampato taoìinetto de portego. Dicesi portego la sala maggiore della casa, come si legge spesso negli antichi inventarii vene:nani : v. anche Boerio. (2) Qui intendesi bellumore (v. Boerio) o anche astulaccio.