Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/452

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
446 ATTO SECONDO

Riosa. Sior patron. (coi stucchi e le scatole)

Gasparo. Cossa gh’è? (torna un passo indietro)

Riosa. Presto, ch’el metta via sta roba. (gli dà tutto)

Gasparo. Coss’è là? (apre e vede) (Questa xe marcanzia de Lissandro). (da sè)

Riosa. L’ho trovada in cestella del taolin de portego1.

Gasparo. Chi ghe l’ha messa?

Riosa. No so, la patrona no certo. Che el metta via, che se la patrona se n’accorze, la se butta in canal. (parte)

Gasparo. Ho capio. Questa xe roba de sior Lissandro. El se l’averà desmentegada. Gh’ho gusto da galantomo. Sto sior cortesan2 me la pagherà.

Fine dell’Atto Secondo.


  1. In molte edizioni posteriori è stampato taolinetto de portego. Dicesi portego la sala maggiore della casa, come si legge spesso negli antichi inventarii veneziani: v. anche Boerio.
  2. Qui intendesi bellumore (v. Boerio) o anche astutaccio.